TrofeoDirtlogo

2019


facebook
loggoeffetti
faba
adesivobuzzi-1
logocjsponsor2018
pmt2
IMG20190402095531440.JPG
MAXXISblackkeylinecmyk
IMG-20180810-WA0028
LOGOmotosportvettorialeorizzontaledef-1
LOGO-cattolicaK-001
LOGOZUCCO1-1
s.ritaadesivo
lofoflat
0001
news-4224-1-new
motoriciclo
psdwrapp
logo-hz-original

SCARICA IL REGOLAMENTO IN PDF QUA

REGOLAMENTO TROFEO DIRT TRACK ITALIA 2018 NORME SPORTIVE GENERALI Il Comitato Dirt Track Italia e ASD Nazionale MotoSportItalia organizzano il Trofeo Dirt Track Italia 2018. Le Manifestazioni in Calendario sono assegnate ai Club Sportivi regolarmente affiliati a MSP - MotoSportItalia per l'anno 2018 che ne facciano richiesta; le Associazioni assegnatarie si impegnano ad effettuare tutte le procedure necessarie a garantire il regolare svolgimento degli eventi, applicando integralmente il presente Regolamento, nel rispetto delle Norme Sportive e delle Leggi vigenti. Coordinatore è il Comitato Dirt Track Italia , che avrà il compito di gestire le Adesioni al Trofeo e le Richieste dei Numeri di gara, supportare e fornire assistenza utile e necessaria ai vari CLUB per il buon esito delle Manifestazioni, provvederà a stilare le classifiche , organizzare i premi ed inviare tutto il materiale previsto di segreteria alla casella di posta redazione@asdsportitalia.com per la pubblicazione sul Sito Ufficiale www.motosportitalia.com e su Siti e/o Pagine Social di riferimento. Il presente regolamento si applica a tutte le Manifestazioni in programma su piste FLAT TRACK (ovale) o DIRT TRACK (TT) approvate dal Comitato Dirt Track Italia. Ogni Partecipante ha il dovere di conoscere il presente regolamento

Articolo 1 – I CIRCUITI Art.1.1 I circuiti possono essere suddivisi nelle seguenti tipologie: - Circuiti FLAT TRACK (ovale) La pista ad anello, da percorrere in senso antiorario, consiste in due semicerchi congiunti da due brevi rettilinei. Il percorso, di livello costante, è costituito da uno strato superficiale di terra battuta compattata, ghiaia compatta o graniglia. - Circuiti DIRT TRACK (TT) La pista ad anello presenterà almeno una curva verso destra e potrà presentare salti. Il percorso, è costituito da uno strato superficiale di terra battuta compattata, ghiaia compatta o graniglia. Il circuito deve essere largo minimo 6 metri in ogni parte e presentare una superficie dura e regolare in ogni punto. La superficie ottimale è “rullata”. I circuiti da DIRT TRACK devono disporre di almeno una curva a destra con eventuali salti semplici adatti alla moto da Dirt track. In questo caso è consentito l’utilizzo del freno anteriore. Art. 1.2 Se il tracciato, in qualsiasi momento durante un evento, non rispecchia le caratteristiche predette o può compromettere la sicurezza generale, il Direttore di gara, a suo insindacabile giudizio, sentiti il personale tecnico di supporto e l’Organizzatore, per motivi di sicurezza, può sospendere lo svolgimento della Manifestazione

Articolo 2 – CONDUTTORI AMMESSI – CATEGORIE Art 2.1 Possono iscriversi alle singole Manifestazioni del Trofeo Dirt Track Italia e Flat Track Italia tutti Conduttori di Nazionalità Italiana e Straniera, di età superiore ai 14 anni compiuti in possesso di Idoneità Medico Sportiva e con Tessera Motori MSP- MotoSportItalia SPORT 1 / SPORT 3 Fuoristrada o Velocità Annuale rilasciata da un CLUB sportivo affiliato, o con Tessera Motori Giornaliera MSP- MotoSportItalia sottoscritta c/o la Segreteria della singola Manifestazione. Le iscrizioni alle singole Manifestazioni saranno perfezionate c/o la Segreteria di gara, come indicato al successivo punto 6.4. I Conduttori possono richiedere le iscrizioni al programma facoltativo del Sabato ed alla Manifestazione della Domenica sia con Tessera Annuale sia con Tessera Giornaliera MSP - MotoSportItalia. Art 2.2 FLAT TRACK e DIRT TRACK PRO Ammessi Conduttori Italiani e di altra Nazionalità, con età superiore ai 14 anni compiuti. Art 2.3 DIRT TRACK AMA Ammessi Conduttori alle prime esperienze di guida, di età superiore ai 14 anni compiuti. Sono esclusi nella categoria AMA i conduttori che hanno partecipato a campionati e/o trofei nazionali di qualsiasi disciplina motoristica.

263

FOODI

IMG20180423223436043

Articolo 3 – MOTOCICLI AMMESSI, DISPOSIZIONI TECNICHE Art. 3.1 Ogni conduttore potrà presentare alle verifiche tecniche un massimo di due motocicli. FLAT TRACK Cilindrata da 250cc a 700cc con cerchi da 16” a 21” e gomme con tasselli massimo profondi 7mm, possibilità di intaglio gomme iniziale (vietato rinfrescare gli intagli), divieto di freno anteriore. Previsto un solo treno di gomme per l’intera manifestazione, non sarà possibile invertire la posizione del pneumatico sul cerchio. Le gomme saranno punzonate prima delle prove libere. DIRT TRACK AMA Cilindrata da 125cc a 1000cc con cerchi da 16” a 21” e gomme con tasselli massimo profondi 7mm, possibilità di intaglio gomme iniziale (vietato rinfrescare gli intagli), freno anteriore obbligatorio. Non sono ammesse gomme da enduro, trial, speedway, motocross, motorally e rally. Previsto un solo treno di gomme per l’intera manifestazione, non sarà possibile invertire la posizione del pneumatico sul cerchio. Le gomme saranno punzonate prima delle prove libere. DIRT TRACK PRO Moto racing con cilindrata da 250cc a 700cc con cerchi da 16” a 21” e gomme con tasselli massimo profondi 7mm, possibilità di intaglio gomme iniziale (vietato rinfrescare gli intagli), freno anteriore obbligatorio. Previsto un solo treno di gomme per l’intera manifestazione, non sarà possibile invertire la posizione del pneumatico sul cerchio. Le gomme saranno punzonate prima delle prove libere. Art. 3.3 Scarico e fonometria Il limite massimo di rumorosità per tutti i motocicli impegnati in qualunque manifestazione di Dirt Track è fissato in 113/DbA con una tolleranza a fine gara di 2 DbA. L’organizzazione deciderà se effettuare o meno questa prova. Art. 3.4 Leve di comando Tutte le leve presenti sul manubrio devono essere provviste all’estremità di una sfera di diametro minimo di 15mm. Art. 3.5 Manubrio Sono ammessi manubri di qualsiasi forma Art. 3.6 Pedane poggiapiedi Le pedane poggiapiedi non devono essere fisse ma di tipo mobile e rientrante e non possono essere posizionate ad un livello inferiore alla culla del telaio (la pedana destra tipo speedway non è ammessa). Le pedane di tipo ribaltabile devono essere dotate di un dispositivo che le riporti automaticamente nella posizione normale. Art. 3.7 Freni Il freno anteriore è obbligatorio nelle categorie Dirt Track Ama e Dirt Track Pro. Nella categoria Flat Track sarà necessario almeno asportare le leva del freno anteriore o legarla all’eventuale paramano. Art. 3.8 Altezza della culla L’altezza minima da terra della culla del motociclo non deve essere inferiore a mm 200 ad esclusione dell’eventuale tubo di scarico. La moto non potrà presentare protuberanze eccessivamente pronunciate, come ad esempio scarichi oltre misura, l’idoneità del mezzo sarà definita da personale tecnico incaricato delle verifiche Art. 3.9 Tabelle porta numero e numeri di gara E’ consigliato adottare tabelle portanumero bianche con numero nero. L’altezza dei numeri dev’essere minimo di 140mm di altezza su tutte le facciate. E’ obbligatorio che il numero sia sempre reso ben visibile, riportato sulla tabella frontale, ed eventualmente ripulito da sporco, prima di allinearsi per ogni batteria . Ogni conduttore all’atto della sua prima iscrizione potrà scegliere il numero di gara tra quelli rimasti disponibili non ancora assegnati, ed una volta assegnato, il numero rimane fisso per tutta la stagione. Sono ammessi numerazione da 1 a 999. La priorità sulla scelta dei numeri viene data ai primi 3 classificati dell’anno precedente ed a seguire in base alla data di iscrizione.

Articolo 4 – ABBIGLIAMENTO TECNICO CONDUTTORI Art. 4.1 Indumenti e calzature Obbligo di protezioni tecniche quali casco, guanti, abbigliamento motocross, tuta pelle intera o divisibile, occhiali , stivali motocross o velocità, obbligo di pettorina motocross o paraschiena.A discrezione del conduttore è possibile fissare sotto gli stivali delle placche per agevolare lo scivolamento del piede sulla superficie, è d’obbligo fissarle adeguatamente. Con abbigliamento sportivo non idoneo il conduttore potrà essere sospeso dalla manifestazione. Norme Sportive Generali Dirt Track Italia 2018 pg3 Art. 4.2 Uso e specifiche del casco Il casco deve essere omologato, in perfette condizioni, indossato correttamente e sempre allacciato con l’apposito cinturino sottogola. Nessuna modifica strutturale può essere apportata. Il casco deve essere di tipo omologato .

Articolo 5 – BANDIERE DI SEGNALAZIONE In ogni categoria sono utilizzate le seguenti bandiere: - Verde / Tricolore Italiano - Via libera / Fasi di partenza - Rossa: attività sportiva interrotta . Rallentare e guidare con prudenza fino a Fermarsi. - Gialla: pericolo, rallentare . Vietato sorpassare in presenza di bandiera gialla. - Bianca e Nera a scacchi: Fine batteria - Bianca (Gialla con croce Nera) inizio ultimo giro, può essere segnalato anche con tabella riportante il numero “1”.

Articolo 6 – PROGRAMMA E CALENDARIO ATTIVITA’ Art. 6.1 Calendario delle gare Per Il Trofeo Dirt Track Italia sono previste 7 Manifestazioni Art. 6.2 Organizzazione del fine settimana Le Manifestazioni si svolgeranno nella sola giornata di Domenica dalle ore 9 alle ore 18. Per la partecipazione alle gare e ai corsi sarà richiesta Tessera MSP- Motorsport giornaliera o annuale. Per partecipare ad attività - gare I conduttori dovranno essere in possesso di certificazione medico sportiva in corso di validità , ed avere la Tessera Annuale SPORT 1 - SPORT 3 MSP –MotoSportItalia in corso di validità, rilasciata da un Club affiliato, oppure sottoscrivere c/o segreteria di gara Tessera Giornaliera MSP –MotoSportItalia con quota di € 20. Art. 6.3 Tessere Annuali e Giornaliere MSP - MotorsportItalia Per richiedere le Tessere Annuali MSP – MotoSportItalia rivolgersi ad Club affiliato. Per tutte le altre informazioni generali sulle licenze consultare il sito www.motosportitalia.com o scrivere a info@asdsportitalia.com . Le tessere Giornaliere MSP – MotoSportItalia sono da richiedere nel contesto delle Manifestazioni sportive presso la segreteria. Art. 6.4 Iscrizioni Le iscrizioni a ciascuna prova del Trofeo dovranno pervenire via mail a info@dirttrackitalia.it o compilando l’apposito modulo presente sul sito www.dirttrackitalia.it entro il 7° giorno precedente la manifestazione. La quota di iscrizione per singola gara è fissata per €50,00, tale quota dovrà anch’essa essere inviata entro il 7° giorno precedente alla gara secondo pagamento tramite bonifico bancario, paypal o postepay. Art. 6.5 Manifestazioni annullate o sospese In caso di previsioni meteo avverse la manifestazione potrà essere annullata e/o recuperata in altra data dal Comitato organizzatore. Nel caso di sospensione, la Manifestazione sarà ritenuta valida se tutti i conduttori partecipanti abbiano disputato un uguale numero di batterie, pari o superiore al 50% di quelle previste Art. 6.6 Batterie dimostrative di contorno In tutte le manifestazioni iscritte a calendario potranno essere inserite, a discrezione dell’ Organizzatore, batterie dimostrative di contorno, opportunamente previste nel Programma di giornata. Quota di iscrizione di € 50 riducibile o azzerabile da parte dell’organizzatore. Previsti premi di partecipazione e gadget ricordo per tutti i partecipanti. Norme Sportive Generali Dirt Track Italia 2018 pg4 Art. 6.7 Numero di conduttori ammessi alle manifestazioni E’ previsto un numero massimo di 24 conduttori per categoria. Nel caso di maggiori richieste di iscrizione, il Direttore di gara, in accordo con l’Organizzatore, valuterà se poter inserire nel programma le maggiori richieste. In ogni caso saranno ritenute valide le prime 24 iscrizioni ricevute Art. 6.8 Numero di conduttori per batteria Il numero massimo è di 6 conduttori per ogni batteria. Art. 6.10 Verifiche tecniche Le verifiche tecniche sui motocicli sono obbligatorie e saranno effettuate dal personale tecnico incaricato dall’organizzatore, secondo le modalità previste dal regolamento e dal programma di giornata. Art. 6.11 Sorteggi La composizione delle batterie di qualificazione e relative corsie di partenza verrà effettuata mediante sorteggio, alla presenza di almeno 2 conduttori, da parte del Coordinatore di Manifestazione in presenza del Direttore di gara. Art. 6.12 Prove libere Sono previsti almeno due turni di prove libere da 5 minuti per categoria. Nel caso le condizioni climatiche e/o della pista non permettessero lo svolgimento normale delle prove, le stesse potranno essere, posticipate, sospese o cancellate a giudizio insindacabile del direttore di gara. Il conduttore ha l’obbligo di effettuare almeno un giro di pista nei turni di prove libere. I turni di prove dovranno essere intervallati di almeno 10 minuti l’uno dall’altro per dare il tempo necessario ai conduttori di settare il proprio motociclo. Sono ammessi max 12 conduttori per turno delle prove libere. Una turno di prove libere ha la durata max di 10 minuti.

 

IMG20180524070805031

Articolo 7 – METODO DI SVOLGIMENTO E PUNTEGGI Art. 7.1 FLAT TRACK Ciascuna prova di articolerà su 2 batterie di prove libere, 6 batterie di gara e una finale. Ogni conduttore ha diritto a partecipare a 6 batterie di qualificazione, ognuna delle quali con 6 partenti, verrà calcolata una somma di punteggio data dai risultati di ogni batteria, i migliori 6 piloti potranno accedere direttamente alla finale. Le batterie di qualificazione hanno la durata di 6 giri , la finale di 12. DIRT TRACK PRO Ciascuna prova di articolerà su 2 turni di prove libere, 6 batterie di gara e una finale. Ogni conduttore può partecipare a 6 batterie di qualificazione, ognuna delle quali con 6 partenti. Dalla somma dei punteggi dei risultati di ogni batteria, i migliori 6 piloti conduttori potranno accedere direttamente alla finale. Le griglie saranno predisposte in modo da permettere ad ogni conduttore di partire da una posizione sempre diversa. In occasione della finale i conduttori potranno scegliere liberamente la casella di partenza secondo il punteggio accumulato nelle batteria di qualificazione. Ogni batteria ha la durata di 4 giri , la finale di 8. DIRT TRACK AMA Ciascuna prova di articolerà su 2 batterie di prove libere, 6 batterie di gara e una finale. Ogni conduttore ha diritto a partecipare a 6 batterie di qualificazione, ognuna delle quali con 6 partenti. Dalla somma dei punteggi dei risultati di ogni batteria, i migliori 6 conduttori potranno accedere direttamente alla finale. Le griglie saranno predisposte in modo da permettere ad ogni conduttore di partire da una posizione sempre diversa. In occasione della finale i conduttori potranno scegliere liberamente la casella di partenza secondo il punteggio accumulato nelle batteria di qualificazione. Ogni batteria ha la durata di 4 giri , la finale di 8. Art. 7.2 Metodo di partenza Le partenze effettuate con l’ausilio di un semaforo, adottano la seguente procedura: Luce verde accesa: partenza imminente Spegnimento luce verde: partenza In caso di partenza anticipata verrà ripetuta la procedura di allineamento ed il conduttore partirà dalla penalty line predisposta 10 metri arretrata rispetto all’ultima fila. Una volta che il semaforo sarà acceso ogni movimento della moto verrà punito come falsa partenza.Art. 7.3 Puntualità alla Partenza Tutti i conduttori in partenza per batterie, last chance o finale dovranno presentarsi al cancelletto di ingesso pista almeno due minuti prima dell’orario previsto. Il cancello di ingresso alla pista rimane aperto per 30 secondi ed eventuali ritardatari non potranno accedere alla batteria ed attendere per partecipare a quella successiva Art. 7.4 Taglio del percorso Il conduttore il cui motociclo oltrepassi, con entrambe le ruote, la linea interna ed esterna di delimitazione del circuito, potrà essere escluso dalla batteria di svolgimento, ad insindacabile giudizio del direttore di gara. Art. 7.5 Prove partenza Per tutto il rettilineo di partenza e in particolar modo sulle griglie di preallineamento, non si possono effettuare partenze di prova e/o lo slittamento della ruota posteriore a contatto con la pista onde preparare la corsia di partenza. Il conduttore che esegue tale manovra, ad insindacabile giudizio del direttore di gara, potrà essere escluso dallo svolgimento della batteria in atto. Art. 7.6 Ripetizione della batteria o Ripartenza Nel caso di incidenti o di altre situazioni che determinano la mancanza delle condizioni di sicurezza , il Direttore di gara a suo insindacabile giudizio, potrà sospendere lo svolgimento della manifestazione, adottando i provvedimenti necessari a ripristinare le condizioni di sicurezza iniziali. In caso di comportamenti scorretti, segnalati dal personale di servizio e/o da altri conduttori, e nel caso di cadute accidentali, il Direttore di gara potrà sospendere e/o riammettere il conduttore infortunato e/o la Manifestazione Il conduttore riammesso alla ripetizione della batteria , partirà dalla “Penalty Line” che sarà posta arretrata di 10 metri rispetto all’ultima linea di conduttori. In caso di ripartenza in linea il conduttore riammesso partirà in ultima posizione. Tutti i conduttori ammessi alla ripetizione della batteria possono sostituire il proprio motociclo. La batteria dovrà essere ripetuta nel caso in cui la stessa sia stata arrestata quando il leader della batteria non ha percorso almeno 2 giri completi. La ripetizione della batteria avverrà utilizzando le posizioni di partenza originarie e per il numero di giri totali previsti per la batteria. Nel caso in cui il leader della batteria abbia già effettuato più di 2 giri la ripartenza verrà effettuata con i conduttori schierati in singola linea a fronte delle posizioni calcolate sull’ultimo giro completato. La linea deve essere disassata in modo che ogni conduttore abbia visibilità davanti a se, i conduttori dovranno posizionarsi ad una distanza di metri uno l’uno dall’altro ed il leader sceglie se partire dall’interno o dall’esterno. Le ripartenze avverranno per il numero di giri ancora da completare da parte del leader. Nel caso in cui il leader abbia già iniziato il penultimo giro previsto dal regolamento e venga sospesa la batteria, la stessa si considererà conclusa e le posizioni di arrivo saranno determinate in base alla classifica del giro precedente, con l’eventuale esclusione del o dei conduttori che avranno causato l’arresto della batteria. Art. 7.7 Batterie di qualificazione Ciascun conduttore parteciperà ad un minimo di 6 batterie di qualificazione, che si disputeranno su un numero massimo di 6 giri per la categoria Flat Track e di 4 giri per la categoria DIRT TRACK. Il numero di giri previsti potrà essere ridotto dal direttore di gara tenendo conto delle circostanze (condizioni della pista, condizioni meteo, etc.) Le posizioni di partenza durante le batterie di qualificazione sono a rotazione, in modo che ciascun conduttore possa partire almeno una volta da ciascuna fila cambiando inoltre le posizioni dall’esterno all’interno e viceversa. Il punteggio di ciascuna batteria di qualificazione sarà il seguente: 1° classificato: punti 6 2° classificato: punti 5 3° classificato: punti 4 4° classificato: punti 3 5° classificato: punti 2 6° classificato: punti 1 I conduttori doppiati saranno estromessi dall’ordine di arrivo e non sarà loro assegnato alcun punteggio. Ai conduttori che non porteranno a termine la batteria non verrà assegnato alcun punteggio. Al termine delle batterie di qualificazione verrà stilata una classifica provvisoria. Alle finali saranno ammessi i primi 6 conduttori con il miglior punteggio ed i primi due classificati della batteria di recupero. Nel caso di parità tra uno o più conduttori si procederà nel modo seguente: 1) Miglior risultato nella singola batteria (il conduttore arrivato ultimo avrà la precedenza rispetto al conduttore s ritirato, escluso e/o non partito) 2) Esito degli scontri diretti tra i conduttori 3) Sorteggio da parte dell’Arbitro o del Coordinatore di Manifestazione Nel caso un conduttore qualificato non possa prendere parte alle batterie successive non potrà in nessun caso essere sostituito da altro conduttore non qualificato. Norme Sportive Generali Dirt Track Italia 2018 6 Art. 7.8 Finale Il numero di giri previsti potrà essere ridotto dal Direttore di gara sentito il Coordinatore della Manifestazione tenendo conto delle circostanze (condizioni della pista, condizioni meteo, etc.). Le posizioni di partenza per la finale saranno scelte direttamente dai conduttori ai box prima della partenza della stessa. In casi particolari con l’autorizzazione del Direttore di gara tale scelta potrà essere effettuata dai conduttori direttamente sulla linea di partenza. L’ordine di scelta delle corsie sarà determinato dalla somma dei punteggi delle batterie di qualificazione. Il miglior punteggio della classifica, sceglierà la corsia per primo, il 2° della classifica sceglierà per secondo e via di seguito. L’ordine di arrivo della finale sarà anche l’ordine di arrivo della gara. I punteggi acquisiti nelle batterie determineranno la classifica dal 6° posto all’ultimo. Ai fini della classifica finale per i conduttori che non porteranno a termine la batteria, sarà tenuto conto dell’ordine cronologico di uscita dalla gara (es. il primo conduttore squalificato o ritirato viene classificato ultimo, il secondo squalificato o ritirato penultimo e così via). Il punteggio di gara, valido ai fini dell’assegnazione della classifica del Trofeo è il seguente: 1° classificato della finale punti 25 2° classificato della finale punti 20 3° classificato della finale punti 15 4° classificato della finale punti 13 5° classificato della finale punti 11 6° classificato della finale punti 9 7° classificato della finale punti 7 8° classificato della finale punti 5 9° classificato della finale punti 4 10° classificato della finale punti 3 11° classificato della finale punti 2 12° classificato della finale punti 1 Art. 7.9 Classifica di Trofeo Al termine dell’ultima gara prevista del Trofeo sarà stilata la classifica generale per determinare il vincitore. In caso di parità di punteggio finale si procederà nel modo seguente: b) In casi di parità per l’assegnazione delle prime 3 posizioni di trofeo verrà disputata una batteria di spareggio tra i conduttori coinvolti. Tale batteria si disputerà sulla distanza massima di 6 giri. c) In caso di parità per le successive posizioni si procederà nel modo seguente: 1) Miglior risultato nella singola gara 2) Sorteggio da parte del Coordinatore di Manifestazione alla presenza del Direttore di gara Art. 2.11.7- Procedura di partenza - Il preallineatore segnala e controlla le posizioni dei conduttori - Lo start può essere dato utilizzando una luce, una bandiera o il nastro. - Se un conduttore ha un problema durante la fase di partenza, alza il braccio e la procedura viene interrotta (luce rossa o bandiera). - Se il conduttore è in grado di prendere parte alla partenza, lo può fare dalla penalty line posta a 10 metri oltre l’ultima linea di partenza. - Se un conduttore commette una partenza anticipata, nel caso di partenza con l’ausilio della luce verde, o tocca il nastro dopo l’accensione della luce verde,nel caso di partenza ai nastri, la gara viene sospesa e lo stesso conduttore può ripartire dalla penalty line. Se nuovamente commette partenza anticipata, il conduttore verrà escluso dalla gara. Art. 7.10 Parco chiuso Dovranno essere portati al parco chiuso, al termine della gara, solo i motocicli dei 6 finalisti . Nel caso oltre alle batterie di qualificazione per ciascun conduttore siano previste batterie aggiuntive (es. semifinali e finali), i motocicli dovranno essere portati al parco chiuso non appena l’arbitro determinerà, in base alle classifiche parziali di gara, quali conduttori siano esclusi dalle fasi successive

IMG20180807163516429

Info generiche licenze    

Create a website